Le avventure
Link utili:


ASSOCIAZIONE MALACOLOGICA SICILIA-CALABRIA
"GIUSEPPE SEGUENZA"


ACQUARIO MEDITERRANEO


NUDIBRANCHI DEL MEDITERRANEO

CEA Messina
CEA MESSINA

NaturaSicula
NATURASICULA

natura, ambiente e tipicitÓ sicule

ASSOCIAZIONE IL LECCIO
Escursioni a cavallo nella Sughereta di Niscemi

ETNAVIVA
natura, ambiente e tipicitÓ etnee

 


Il CEA Niscemi su Facebook http://www.facebook.com/ceaniscemi.onlus



Curriculum CEA:
Annuario:
- 2007

CuriositÓ:

Le nozze di
Cico e Cogna

 

PaleontologiaFotoBiviere di GelaAula verdePubblicazioniAssociazione e statutoContattiOrchideeSughereta di NiscemiRopaloceri di NiscemiIl clima di NiscemiTurismo ScolasticoFinalitÓ, Ricerca e BiodiversitÓDomanda di iscrizioneElenco soci

M.Zafarana, A.Parisi,
Trad. inglese G.L.Cilio
Uccelli rapaci diurni e notturni della R.N.O. Sughereta di Niscemi e dintorni

Contributo alla conoscenza della biodiversitÓ degli ecosistemi naturali di Niscemi e dintorni

Paruzzo Editore, 2010


Sito web Sughereta di Niscemi...>>>


TURISMO SCOLASTICO 2013

Scarica l'offerta

ALLA R.N.O. "SUGHERETA DI NISCEMI"
...>>>


AL MUSEO DIDATTICO DI STORIA NATURALE
...>>>


Entomofoto di Manuel Zafarana...>>>


DESTINA IL TUO 5 x mille
AL CEA NISCEMI ONLUS
E AIUTA IL MUSEO DI STORIA NATURALE

Trascrivi nella tua dichiarazione dei redditi il codice fiscale del CEA onlus Niscemi:

9000 888 0859
grazie per il tuo aiuto!

Stampa il codice fiscale e le istruzioni per destinare il tuo 5xmille...>>>

Elenco delle Onlus per destinare il 5xMille

Riconoscimento O.N.L.U.S.


Curriculum Vitae C.E.A. on.l.u.s. Niscemi ...>>>

VEDI PREVISIONI METEO...>>>
IL RAGNO NASUTO
Argyrodes nasica
ASSENTE DALLA CHECK-LIST DEI RAGNI DI SICILIA



Nell'intervallo tra un gioco e l'altro, due giovanissime nostre socie, le cuginette Gabriella e Sabrina Zafarana, curiosando per la campagna hanno notato un minuscolo ragnetto appeso ad un filo. L'osservazione al binoculare ha rivelato uno strano aracnide di sesso maschile con un tubercolo frontale e l'addome argentato prolungato in un lungo cornetto oltre le filiere. Si muoveva su zampe lunghissime che a riposo intrecciava strettamente tenendo sempre il ventre in s¨. Probabilmente trattasi di Argyrodes nasica, riportato dalla ceck-list solo per l'Italia meridionale esclusa la Sicilia. (1-9-2008, S. Zafarana)


L'eliantemo sanguineo
(Helianthemum sanguineum (Lag.)Dunal., 1824)
pianta ritenuta estinta dal 1800 ritrovata nella R.N.O. Sughereta di Niscemi

L'eliantemo sanguineo (Helianthemum sanguineum Lag.) Ŕ pianticella vischioso-ghiandolosa e rossiccia a ciclo annuale alta circa 10 cm e appartenente alla famiglia delle Cistacee. Presenta foglie pelose e opposte, quelle in basso ovate e facilmente caduche, quelle in alto pi¨ allungate e persistenti. I fiori del diametro di un centimetro hanno cinque petali gialli subeguali ai sepali e con una macchia rossiccia alla base. Dopo la fioritura, che avviene in marzo-aprile, i peduncoli si ripiegano caratteristicamente verso il basso. La capsula Ŕ glabra.
Fu descritta per la prima volta nel 1805 dal botanico spagnolo Mariano Lagasca e inizialmente ascritta al genere Cistus. Il sinonimo Helianthemum retrofractum si deve, invece, al micologo sudafricano Christian Persoon; l'attuale binomio, definitivamente assegnato nel 1824, porta la prioritÓ dell'originario scopritore.
La specie ha una distribuzione mediterranea occidentale; Ŕ stata osservata in Portogallo, Spagna centrale e meridionale, Algeria e Marocco. Nel 1800 si hanno segnalazioni per la Liguria e l'isola di Creta, presenze, per˛, considerate come avventiziati. Non esistono citazioni per la Sicilia fino al 1988, quando nel marzo di quell'anno ne fu scoperta, dal naturalista Salvatore Zafarana, una popolazione in localitÓ Arcia (oggi parte della R.N.O Sughereta di Niscemi), in ambiente di macchia degradata su terreni assolati e sabbioso-silicei, ove la cistacea vive insieme a terofite dei praticelli effimeri, come il comune fior gallinaccio (Tuberaria guttata) e il raro centauro marittimo (Centaurium maritimum).
La specie viene riportata e raffigurata nel libro "Il Museo didattico comprensoriale di Storia naturale di Niscemi" edito nel 1992 dalla locale sezione del W.W.F.
Nel 1995, nel corso del 90░ Convegno della SocietÓ Botanica Italiana tenutosi a Palermo, viene presentato un poster sull'entitÓ in questione e pubblicato un articolo sul Giornale Botanico Italiano a cura di R.Galesi.


NUOVA SPECIE PESCE PALLA
Archaeotetraodon zafaranai (G.Carnevale et J.Tyler 2010)
ecco una ricosttruzione
...>>>



Favoriti dal riscaldamento del Mediterraneo e dal Canale di Suez, negli ultimi anni numerosi pesci tropicali hanno fatto la loro comparsa nei nostri mari.
... Ŕ stato ritrovato tra i sedimenti deposti sul fondo di un mare risalente a circa sei milioni di anni fa...>>>


Ricostruzione di un modello

LA ZELKOVA, una pianta venuta dal passato


Certamente molti avranno visto il film "Jurassic Park", storia fantascientifica di come, tramite manipolazioni genetiche e tecniche all'avanguardia, gli scienziati riportano in vita i dinosauri dopo milioni di anni dalla loro estinzione. In realtÓ, dei grandi rettili sono rimasti solo fossili, ma incredibilmente alcune piante sono invece tornate dalla preistoria. Senza esperimenti, la Zelkova sicula, endemismo siculo, Ŕ veunuta dal passato...>>>

Dalla "Pietra" al "Silicio"


Nello splendido scenario delle creste di Pizzo Mirabella nella Valle dello Jato (PA) l'uomo sin dalla preistoria ha abitato questi luoghi in sintonia con l'ambiente, sfruttando tutte le risorse che offriva la natura...>>>

Carabus famini...un carabide siculo-nordafricano


Carabus famini

Carabus famini, coleottero carabide siculo-nordafricano, considerato di notevole interesse biogeografico la cui distribuzione veniva limitata alla Sicilia occidentale (Bosco della Ficuzza e Rocca Busambra) Ŕ stato rinvenuto anche nella Riserva Naturale Orientata "Sughereta di Niscemi".
Un esemplare Ŕ attualmente conservato dal CEA presso il Museo di Storia Naturale di Niscemi nelle collezioni V.Liardo-S.Zafarana


ASSENTI DALLA CHECK-LIST DEI RAGNI DI SICILIA

Si tratta di Uloborus walckenaerius ritrovato nelle campagne di Niscemi ancora una volta in una ragnatela di Cyrtophora citricola, specie molto comune soprattutto nelle siepi di fico d'India, facilmente riconoscibile per l'addome tubercolato e per i bozzoli a catenella.
Gli Uloboridi sono i soli ragni a non possedere veleno...>>>

Monaeses paradoxus (Thomisidae)

Rinvenuto nelle campagne di Niscemi un altro ragno assente dalla check-list della Sicilia. Si tratta di Monaeses paradoxus, unica specie italiana del genere Monaeses apprtenente alla famiglia Thomisidae. E' caratterizzato da opistosoma lungo e stretto, posteriormente prolungato oltre le filiere...>>>


UNA CHIOCCIOLA SETOLOSA

Chilostoma (Campylaea) planospira setulosum

Sui Monti Nebrodi, nei pressi di Longi e Alcara li Fusi (Messina), vive un mollusco davvero particolare. Si tratta di Chilostoma (Campylaea) planospira setulosum (Briganti, 1825), Gasteropode terrestre endemico della Sicilia legato agli ambienti umidi. La singolaritÓ della sottospecie setulosum Ŕ la presenza di...>>>

SUI NEBRODI PER CASO SPINTO DALLA SETE
Durante una escursione al Bosco Mangalaviti, un socio del CEA in cerca di acqua per dissetarsi, per caso ha rinvenuto una lama di ossidiana risalente alla civilta preistorica del Neolitico (5.000 a.C.).
╚ successo questa estate sui Nebrodi presso la Sorgente Balestra...>>>
Gli articoli della home-page vengono periodicamente trasferiti nella sezione ARCHIVIO...>>>

Ultimo aggiornamento 06-02-2013
Pagine web: Vincenzo Liardo
Ossidiana del Neolitico Chiocciola setolosa
Archivio Come arrivareGeografia, geologia, paleontologiaAmbienti boschiviAmbienti antropiciIl Museo di Storia NaturaleAmbienti umidiEcologia e collezioni entomologicheAperia 30 Monaeses paradoxus Acquario Mediterraneo Zelkova sicula


Helianthemum sanguineum